Gara UCI
Ciclista UCI
Fantasquadra
Gioca gratis al fantaciclismo
MENU
HOME / BLOG / RE TOM CONTRO TUTTI

Re Tom contro tutti

Altro
© e2.365dm.com
0 commenti
4 visualizzazioni
CalendarioPubblicato il 07 Aprile 2017 alle 15:52
CONDIVIDI
Tempo di lettura: 4'
Se la Parigi - Roubaix è una delle corse più imprevedibili di tutte (Hayman docet), quest'anno lo sarà ancora di più. Perché al via sarà presente un signore alla sua ultima corsa della carriera. Sua maestà, Tom Boonen, chiuderà l'attività agonistica con la Parigi - Roubaix, con una delle tante corse che lo ha consacrato Leggenda. Ma a Tom non basta, vuole vincere la sua quinta Parigi - Roubaix per entrare nella storia e per raggiungere la 150esima vittoria.

Tom, però, dovrà essere più forte degli avversari, della sfortuna, delle insidie del pavé. Dovrà essere più forte di tutto e tutti. Dovrà correre con la sua solita grinta e siamo certi che sarà disposto a sputare sangue pur di arrivare a braccia alzate all'interno del velodromo.
Favorito numero uno quindi, per noi, è Tornado Tom, supportato da una squadra di tutto rispetto con Trentin, Terpstra, Stybar e Lampaert disposti a sacrificarsi per il capitano. Grande assente il vincitore del Fiandre Gilbert che verrà preservato per le Ardenne.
Gli avversari diretti saranno ovviamente Van Avermaet che ha disposizione Kung, Oss, Quinziato e Drucker e Peter Sagan che, invece, dovrà cavarsela praticamente da solo. Senza dimenticarci di Naesen, l'unico in grado di stare a ruote del campione olimpico e del campione del mondo. In casa Ag2r cercherà di mettersi in luce anche Vandenbergh.

Che Hayman riesca a ripetersi dopo la vittoria dell'anno scorso ci sembra francamente impossibile ma in casa Orica bisogna fare attenzione a i "sempre presenti" Durbridge, Keukeleire e Cort Nielesen.
La Cannondale invece perde il suo leader Vanmarcke (caduto al Fiandre), ma trova un sorprendente Van Baarle, non mi stupirei di vederlo presente nel finale.
La Lotto Soudal deve riscattare la pessima prova del Fiandre e ci proverà con il gorillone Greipel (l'ultimo a gettare la spugna quando il gioco si fa duro)e con corridori di tutto rispetto come Sieberg, Bak, Gallopin, Debusschere e Roelandts (anche se fino a qui, ad eccezione di Greipel, hanno deluso tutti).
In casa Dimension Data si continua a puntare su un pessimo Boasson Hagen, quando invece a prendersi la scena della squadra sudafricana è sempre Thwaites. Che sia lui l'uomo di punta per la Roubaix ? Chissà. Ai nastri di partenza dovrebbe esserci anche Cavendish, l'anno scorso trentesimo, quest'anno cercherà l'impresa ma sarà molto ardua.
In Katusha esiste sempre solo e soltanto Kristoff, questa stagione meno brillante del solito, ma mai da sottovalutare come il compagno di squadra Tony Martin.
La formazione della Sky, invece, è molto interessante e cercherà di avere sicuramente un corridore presente nel finale tra Rowe, Stannard e il sorprendente Moscon. Al via del team britannico anche Viviani che alla sua unica partecipazione sulle pietre si ritirò.
La Bahrain si affiderà a Bonifazio, ma attenzione a Bozic che punta forte su questa corsa mentre la FDJ gioca la carta Demare che non sembra però poter essere uno dei grandi protagonisti nel finale, a differenza di Degenkolb che ha dimostrato già al Giro delle Fiandre che lui vuole tornare quello di una volta e vuole esserci. Inoltre la squadra che lo supporta con la presenza anche di Stuyven e Brandle è di tutto rispetto. Fa meno paura invece il Team Nl Lotto Jumbo che punta tutto su Boom, che per carità ha vinto la tappa del pavé al Tour, ma con la testa è rimasto a quel giorno. Il Boom di adesso è un parente lontano di quello che aveva vinto in maglia Belkin alla Grand Boucle. Tra le squadre meno attrezzate per l'Inferno del Nord, secondo noi, figurano la solita Movistar (finora inesistente) e l'Astana che è piena di corridori vogliosi di dare battaglia ma non sono ancora mai riusciti a incidere.
Arriva, invece, una bellissima folata di Italia dall'UAE con t***a (già in fuga al Fiandre), Zurlo, Marcato, Ferrari, Bono, (forse) Modolo, e Guardini. Sarebbe bello se qualcuno di loro nel finale si trovasse davanti. Il Team Sunweb si aggrappa ad Arndt e Andersen, gli unici che forse possono tenere alto il nome della squadra.
Tra le squadre invitate segnaliamo Offredo della Wanty (quattordicesimo alla Ronde) e McLay della Fortuneo.

Se Re Tom vuole la quinta Roubaix per chiudere in grande la carriera, dovrà essere più forte di tutti loro, degli outsiders, di chi vuole prendersi una rivincita con il passato, di chi vorrà far saltare il banco, della sfortuna, di Peter e di Greg. Di tutto.
Tom contro tutti per entrare nella storia.
07 Aprile 2017
© Riproduzione riservata

Commenti


Non ci sono ancora commenti per questo articolo


Per lasciare un commento devi eseguire il login